Mari Roldán: quando l’arte gira con le banconote

mari roldán

«L’artista spagnola Mari Roldán usa le banconote come tela per reinterpretare opere icona della storia dell’arte. Prima di lei, a fare dei soldi arte, è stato l’esponente della micro-arte Graham Short»

Mari Roldán è un’artista spagnola che usa le banconote come tela su cui riprodurre la sua reinterpretazione delle opere icona della storia dell’arte. Ha solo 23 anni e la sua idea, semplice ma efficace, sta facendo il giro del web come le sue opere d’arte che girano insieme alle banconote utilizzate come supporto.

I soggetti scelti da Mari Roldán vengono presi da diverse epoche e correnti artistiche: Il bacio di Klimt, la Guernica di Picasso, la Venere di Botticelli e ancora i capolavori dei maestri Magritte, Munch, Van Gogh, Dalì.

Il risultato è davvero interessante perché capolavori artistici senza tempo si muovono insieme al denaro facendo il giro dell’Europa e del Mondo. In questo modo è ancora più facile comprendere il valore di quei soldi.

@mariroldan_

È probabile che questo accostamento possa risultare abbastanza anomalo: da un lato la nobile arte e dall’altro la materialità del denaro. Mari Roldán non è la prima artista a dare forma a questo strano binomio. Graham Short, artista tra i massimi esponenti della micro-arte, ha inciso, o meglio micro-inciso, su cinque banconote da 5 pound il ritratto della scrittrice inglese Jane Austen.

In seguito ha “speso” questi soldi immettendoli nella normale circolazione monetaria inglese. Oggi il valore di queste banconote è arrivato ad essere di oltre 50.000 sterline. “Per creare queste opere”, spiega Sarah Cascone sul sito Artnet, “Short ha usato le cartamoneta rilasciate a settembre, che utilizzano nuovi polimeri che rendono possibile l’incisione”.

Al momento nessuno è ancora riuscito a trovare le banconote dall’incredibile valore e la caccia continua. L’artista ha commentato che sarebbe felice se fosse un uomo o una donna della working class a trovarle.

Lascia un commento